RICICLO CREATIVO: REALIZZA UNA CLESSIDRA UTILIZZANDO DUE BOTTIGLIE DI ACQUA SANT’ANNA NATURALE DA 0,5L

QUANTO MANCA ALLA FINE DELLA SCUOLA? POCHISSIMO, TIENI D’OCCHIO IL TEMPO CON UN METODO CLASSICO ED INFALLIBILE, LA CLESSIDRA. BASTANO DUE BOTTIGLIE DI ACQUA SANT’ANNA NATURALE E DELLA SABBIOLINA COLORATA

È il momento di attivare il conto alla rovescia dei giorni che mancano alla fine della scuola! Per tenere d’occhio il tempo che passa non c’è mezzo migliore della clessidra, la sabbia che si sposta da un’ampolla all’altra, granello dopo granello è quasi ipnotica.
Come costruirla?
Eccovi il tutorial.

COSA CI OCCORRE

– 2 bottiglie di Acqua Sant’Anna Naturale da 0,5l
– 2 cerchi di cartoncino colorato (5 cm di diametro)
– 1 quadrato di cartoncino colorato (2 *2 cm)
– 1 striscia di cartoncino colorato (3 *10 cm)
– 1 bicchiere di sabbia
– bastoncino di ferro o stuzzicadenti spesso
– forbici
– colla a caldo

COME SI PROCEDE?

Tagliate entrambe le bottiglie come indicato, svitate il tappo e rimuovete la ghiera.
Sigillate il primo recipiente coprendo il buco con uno dei due cartoncini colorati.

Ora incollate il quadrato al collo della bottiglia e sagomate il cartoncino poi fategli un piccolo foro nel centro. Prendete poi l’altra bottiglia e fissatela dalla parte del tappo al primo recipiente.

Ecco che la forma della clessidra è già visibile. Appoggiate l’ampolla chiusa a terra, prendete la sabbia e un cronometro: nell’instante in cui iniziate a versare la sabbia all’interno del recipiente azionate il cronometro, quando avrete versato tutta la sabbia (la quantità di sabbia non deve riempire interamente il primo recipiente), stoppate anche il cronometro, così potrete valutare quanto tempo calcola la vostra clessidra. Chiudete l’ampolla ancora aperta con il cerchio di cartoncino colorato.

Per concludere, aggiungete solo un tocco di colore: per renderla più realistica rivestite i due colli delle bottiglie con la striscia di cartoncino, così la vostra clessidra sarà anche bellissima da esporre.

Quanto manca alla fine della scuola?

Lascia un commento