Bubble Tea, la nuova moda del the mangia e bevi

 

Colorato, invitante e indubbiamente pop: è il bubble tea, bevanda nata in Oriente che ha velocemente conquistato gli Stati Uniti, diventando subito di moda tra le strade della Grande Mela. Adesso che sta spopolando anche in Italia, vi raccontiamo che cos’è e come potete prepararne una versione genuina direttamente a casa vostra, con il SanThè Sant’Anna che preferite.

Bubble tea, un mix di sapore e colore

Passeggiando per le strade delle grandi città vi sarà forse capitato di incrociare ragazzi che sorseggiano dei bicchieroni da cui spuntano delle grosse cannucce, pieni di bibite dense e colorate. Si tratta di bubble tea o boba; è la bibita del momento, a base di the e latte, a cui si aggiungono perle di tapioca o gelatine di frutta, ghiaccio e frutta fresca.

Nato a Taiwan negli anni ‘80, il bubble tea si è diffuso prima in Giappone, Cina, Corea e Filippine per poi attraversare l’oceano, approdando negli Stati Uniti circa dieci anni dopo. Il trend poi è esploso a New York e da lì si è diffuso in tutto il Nord Europa; da qui, il bubble tea è arrivato anche da noi.

Inizialmente i bicchieroni venivano serviti solo nei bar giapponesi e cinesi, i primi a preparare la bibita, ma oggi sono nati decine di locali specializzati. Il successo è talmente travolgente che gelaterie e locali si stanno man mano attrezzando per proporre questa curiosa bibita a un pubblico di estimatori che continua a crescere.

 

Il “manga tea”

Se la ricetta originale viene da Taiwan, è stato il Giappone a decretarne il vero successo. Nel paese del Sol Levante il bubble tea è diventato una vera e propria mania che ha conquistato giovani e meno giovani. Le decine di locali che propongono questa bevanda attirano soprattutto ragazzi e adolescenti, ma anche adulti; tutti sembrano adorare questo drink colorato che sembra uscito da un “manga”, i famosi fumetti giapponesi emblema dell’intrattenimento nipponico.

Se vi state chiedendo perché il bubble tea piaccia tanto, dovete sapere che oltre al colore, il punto di forza di questa bevanda è la particolare consistenza, che dipende dalle perle di tapioca. Si tratta di palline gelatinose che è possibile acquistare già pronte: sono disponibili quelle bianche o quelle nere, più grandi, chiamate appunto “boba”, oppure in versione aromatizzata alla frutta. Queste palline sono prodotte a partire da un derivato della manioca, radice con cui viene prodotta una farina, la tapioca, alla base dell’alimentazione di molte popolazioni dell’Africa e del Sud America. La tapioca non contiene glutine ma una buona quantità di carboidrati, oltre ad essere un addensante naturale: viene infatti utilizzata per preparare i budini e per lo svezzamento dei bambini, aggiungendola nelle pappe.

Le perle di tapioca, mescolate nella bibita, hanno la caratteristica di scoppiare in bocca, rilasciando tutto il loro gusto. La consistenza particolare di queste perle ha contribuito in maniera decisiva al successo del bubble tea, rendendola una bibita originale e unica nel suo genere.

In commercio esistono tantissime versioni diverse di bubble tea, da consumare calde o fredde: una base comune di the a cui si aggiunge latte vaccino o vegetale, con o senza zucchero, crema, frutta fresca, sciroppo di frutta. Una volta scelti gli ingredienti si shakera il tutto e si versa in un bicchiere in cui sono state poste le perle di tapioca o le gelatine di frutta, che completano la bevanda “mangia e bevi”.

 

Bubble SanThè alla Pesca

Se volete cimentarvi con una preparazione a casa del bubble tea, vi proponiamo una deliziosa ricetta da preparare con SanThè Sant’Anna. Basterà acquistare gli ingredienti freschi, ritagliarvi un po’ di tempo e magari farvi aiutare dai ragazzi di casa, che saranno felici di gustare una bibita piena di gusto. Noi vi proponiamo una versione estiva con SanThè alla pesca, ma potete sbizzarrirvi provando tutti i gusti benessere a cui aggiungere la frutta fresca che più vi piace.

 

Ingredienti

  • una bottiglietta di SanThè Sant’Anna alla pesca
  • 50 grammi di perle di tapioca bianche
  • un bicchiere di latte scremato o latte di soia
  • due pesche fresche
  • ghiaccio
  • codette di zucchero per decorare

Preparazione

Prendete le perle di tapioca e mettetele in una pentola, considerando una quantità di acqua sei volte maggiore della quantità di perle (in caso potete aggiungerla durante la cottura). Fatele cuocere in acqua bollente finché non diventano trasparenti. Il tempo di cottura varia da una decina di minuti a mezz’ora, a seconda della grandezza delle perle.

Toglietele dal fuoco e scolatele, passandole sotto l’acqua fredda per bloccare la cottura: vedrete che saranno gelatinose ma consistenti. Mettetele dentro un bicchiere alto e capiente, coprendo un quarto del bicchiere. Prendete la pesca e frullatela, ricordandovi di tenere da parte qualche dadino per la guarnizione finale; mettete il frullato in un recipiente e aggiungete un bicchiere di SanThè Sant’Anna alla pesca (per i più piccoli anche in versione deteinata) mezzo bicchiere di latte e mescolate bene il tutto, per ottenere un liquido cremoso. Se volete, potete passare il tutto nello shaker con il ghiaccio.

Versate poi il composto sopra le perle, senza mescolare eccessivamente. Se non avete shakerato il composto di the e frutta, aggiungete ora il ghiaccio precedentemente tritato. Aggiungete poi i pezzetti di frutta come guarnizione e servite con una grossa cannuccia e un cucchiaio da gelato. A piacere, potete decorare con una manciata di codette di zucchero colorate. Il vostro Bubble SanThè è pronto per essere gustato!

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione di terze parti. Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie tecnici. Per i cookie di profilazione di terze parti è invece necessario il tuo consenso esplicito. Maggiori informazioni

INFORMATIVA SUI COOKIE
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione di terze parti.
Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa estesa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie tecnici.
Per visualizzare alcuni contenuti, ad esempio i video YouTube, è necessario il tuo consenso esplicito.

Chiudi